venerdì 18 settembre 2015

BALSAMO da FLACONE con BEHENTRIMONIUM CHLORIDE



Ho sempre avuto capelli molto lunghi e ricci, è scontato dire che il balsamo ha sempre fatto parte della mia routine.
Come ogni spignattina che si rispetti, i miei primi tentativi di fare un balsamo, li ho fatti utilizzando l'esterquat, l'unico tra i condizionante per capelli ad essere completamente ecobio.
Non c'è bisogno di dire che ovviamente quel tipo di balsamo sui miei capelli funzionava ben poco, come se non avessi applicato nulla.
Per questo motivo ho iniziato a usare altri condizionanti e oggi vi propongo la ricetta di un balsamo a base di behentrimonium chloride (che non è ecobio in quanto è dannoso per i pesci) presa dal forum di Lola che trovo perfetta per i miei capelli, non appesantisce e ne basta poco per districare i nodi in modo veloce!!



RICETTA (presa dal forum di Lola e modificata leggermente): 

Fase A
Acqua 83,75 g
Miele 1,5 g
Guar hydroxypropyltrimonium chloride 0,15 g
Glicerina 3 g

Fase B
Alcool Cetilstearilico 3,00 g
Behentrimonium chloride 5,00 g
Burro di Karitè 1 g
Olio di sesamo  1,50 g

Fase C
Polyquaternium 7 0,50 g
Cosgard 0,6 g
Fragranza q.b.

pH 4,5

PREPARAZIONE: per formare il gel di guar h.c. io procedo come per fare il gel di xantana. Dopo aver preparato le due fasi le metto a scaldare e prima di procedere a fare l'emulsione frullo la fase acquosa.
Dopo di che verso la fase A nella fase B (attente a non fare l'opposto a causa dell'abitudine!!), frullo per bene e lascio raffreddare! Proseguo poi a inserire la fase C (un ingrediente alla volta!) e a misurare il pH.

CONSIGLI: dovendo fare una emulsione A in B ricordatevi di mettere la fase B in un contenitore grande abbastanza da poter contenere tutta l'emulsione e poter frullare comodamente!
Cercate di non portare le fasi a temperature superiore i 70°, infatti il behentrimonium chloride sembra perdere un po' di efficacia se scaldato troppo.
Potete già emulsionare quando vedete che il behentrimonium inizia a diventare trasparente e a formare una pasta, difficilmente infatti diventerà liquido lasciandolo scaldare a lungo.

per oggi è tutto, alla prossima!!

Nessun commento:

Posta un commento